Torna alle notizie

Cessione del Quinto dello Stipendio – Licenziamento!

Cessione del Quinto dello Stipendio – Licenziamento!

La Cessione del Quinto dello Stipendio, come dice la parola Cessione, cede alla Società Finanziaria il quinto dello stipendio a fronte di una determinata somma erogata per una determinata durata contrattuale.

Chi si incarica del versamento delle rate mensili è il Datore di lavoro identificato dal giudice come Terzo Datore di Ipoteca. Il cui significato è che il Datore di Lavoro è responsabile dei pagamenti delle rate mensili da restituire alla Società Finanziaria e di trattenere il TFR nella disponibilità della Società Finanziaria fino alla conclusione del contratto che coincide con il pagamento dell’ultima rata.

Il caso interruzione del rapporto di lavoro può avvenire per:

  1. Licenziamento per esubero del personale o per ristrutturazione aziendale;
  2. Licenziamento per Chiusura attività o Fallimento della Ditta;
  3. Licenziamento per Giusta Causa;
  4. Dimissione volontaria personale.

La Cessione del Quinto dello Stipendio è regolamentata dalla Legge 180/50 e successive modifiche e prevede l’obbligatorietà della stipula di due coperture assicurative:

  1. Causa Morte e/o Inabilità;
  2. Perdita Lavoro per Licenziamento o Chiusura Ditta.

Questo significa che la copertura assicurativa Perdita Lavoro non è valida per i casi di Licenziamento Giusta Causa e per Dimissione Volontaria personale!!

Come si comporta la Finanziaria in caso di Licenziamento?

Il Datore Lavoro ha l’obbligo di avvisare del licenziamento la Società Finanziaria, la quale provvederà a richiedere il versamento del TFR a copertura del residuo della Cessione del Quinto. Se il TFR non dovesse essere sufficiente a coprire il residuo della Cessione la Società Finanziaria richiederà l’intervento della Assicurazione, ma lo farà solo per i casi 1 e 2 su descritti.

Nessuna altra somma può essere richiesta oltre il TFR e se dovesse accadere che la Società Finanziaria dovesse richiedere somme oltre il TFR si deve ricorrere immediatamente nei confronti del Datore Lavoro e della Società Finanziaria.

Va inoltre sottolineato che l’Assicurazione non potrà in seguito rivalersi nel modo più assoluto sulla persona assicurata per il pagamento della somma che ha versato alla Società Finanziaria.

Era un uso del passato che la legge ha vietato ormai da tempo. L’assicurazione ha l’obbligo di coprire per intero il rischio dell’assicurato.

Prestitia informa!

Chiedi una consulenza o un preventivo, è un Servizio gratuito di Prestitia!!

Leggi di più
  • attilio massimo says:

    salve volevo delle info ho una cessione del quinto ,ma al contrario di come si dice qui in merito alla legge 180/50 a me è stata fatta solo una polizza assicurativa “IN CASO DI MORTE”.Da premettere che a settembre resterò a casa da lavorare per perdita appalto e ridimensionamento personale,ovviamente deduco che tratterranno il mio TFR per coprire la cessione che non basterà.Volevo chiedere :si può ricorrere in qualche modo,con avvocati o consulenti nei confronti della banca e assicurazione col fatto che mi hanno fatto stipulare una sola polizza ,mentre qui si dice che è obbligatorio farne due .Il contratto è stato stipulato nel 2010??C’è poi da dire che l’importo del TFR non estinguerà tutta la cessione e quindi si rifaranno su di me!!!!!! che sarò disoccupato.Aspetto una vostra risposta grazie…cordiali saluti

    Reply
    • Buona sera Attilio,
      la Legge 180/50 e successive modifiche pone l’obbligo per la Finanziaria o Istituto di credito di coprire il finanziamento della Cessione del Quinto con due assicurazioni: una per il caso morte ed inabilità al lavoro e un’altra per il caso Perdita lavoro.

      Le assicurazioni non sono facoltative, ma obbligatorie.

      In caso di interruzione del lavoro non per colpa sua l’assicurazione deve coprire il finanziamento.
      Chi ha concesso la Cessione del Quinto è responsabile della irregolarità e lei deve ricorrere con un legale di fiducia contro costoro.

      Saluti, Renzo

      Reply
  • nikola stanicic says:

    Salve,sono stato licenziato per&Licenziamento per esubero del personale o per ristrutturazione aziendale: la ho un tfr pari a circa 15000euro e ho anche un buono di esodo pari a 20000 lordi.La finanziaria chiede oltre a tfr anche alter some come buono di esodo .Il debito residuo e di 18880euro,come ho letto qui sopra”Nessuna altra somma può essere richiesta oltre il TFR e se dovesse accadere che la Società Finanziaria dovesse richiedere somme oltre il TFR si deve ricorrere immediatamente nei confronti del Datore Lavoro e della Società Finanziaria. “La mia domanda e seguente<posso bloccare il datore di lavoro che paghi solo il mio tfr e nessun altra somma…Grazie mille

    Reply
    • Nikola buongiorno,
      verifichi subito il contratto che ha firmato.
      Poi invii una raccomandata AR al Datore Lavoro e per conoscenza alla Finanziaria in cui chiede che sia rispettato quanto sottoscritto tra le parti nel contratto che gli è stato notificato.

      Saluti, Renzo

      Reply
  • Buongiorno, sono dipendente di una ditta srl settore commercio dal 02.09.2002, sono stato licenziato per giustificato motivo oggettivo a seguito della messa in liquidazione della società avvenuta con atto il 9.11.2016 cessa ogni attività produttiva.
    Siccome ho 2 due cessioni del quinto e una delega di pagamento in corso le assicurazioni e le finanziarie che hanno come garanzia il mio TFR, con questo tipo di licenziamento come posso tutelare il mio TFR.?
    Ho lasciato in azienda 5000 o 7000 euro e nel 2007 al Fondo Fonte con controvalore 24.650,00

    Grazie per l’attenzione
    In attesa di un vostro riscontro porgo cordiali saluti
    Michele
    Firenze
    email. michele.trincucci@alice.it

    Reply
    • Michele buongiorno,
      lei non ha alcuna possibilità di tutelare il suo TFR.
      Il TFR è a garanzia contrattuale delle tre cessioni che ha in corso e viene trattenuto a saldo delle stesse.
      L’eventuale differenza che dovesse maturare dal residuo delle tre cessioni se in positivo le sarà saldata, ma se è in negativo dovrà essere pagata dalla assicurazione.

      Saluti, Renzo

      Reply
  • Buonasera volevo chiedervi per favore un informazione sono stato licenziato per giusta causa da parte del datore di lavoro licenziamento impugnato ho attualmente 2 cessioni del quinto cosa succederà’ adesso?rinegoziate nel 2016 entrambi decennali potrò successivamente richiedere i rimborsi?

    Reply
    • Fabio buon giorno,
      succederà che la/le finanziarie si rivarranno sul TFR e su emolumenti residui nel calcolo del licenziamento.
      Il residuo le sarà addebitato personalmente come restituzione in unica soluzione o da concordare mensilmente.

      Saluti, Renzo

      Reply
  • Buona sera!mi e successo la stessa cosa.per causa di licenziamento colettivo mi hanno offerto un incentivo di 8 stipendi.perche non bastava il tfr a liquidare la cessione del quinto,l’azienda ha deciso di versare tutto a la finanziaria (gli 8 stipendi)fin ad arrivare alla completa cifra da rimborsare alla banca .vi domando se e giusto.voglio precisare che a fine raporto mi hanno rimborsato solo 4/5della 13.ma, dicendomi che cosi si calcola : 4/5 delle competenze spettano al lavoratore e 1/5alla finanziaria!ma perche non 4/5 di tutta la cifra???cioe..circa 14000 euro (8 stipendi +13.ma +ferie etc)per favore aiutatemi con una risposta chiara.sono sconvolta e delusa del raggionamento fatto.sapevo che solo il tfr e vincolato su cessione.in piu l’incentivo e stato proposto nella maniera fortemente “privacy “.da dove sa la finanziaria di questa trattativa fatta in Confindustria??solo se il datore di lavoro lo fa sapere a loro!dove e la cosidetta privacy?ma se io non accetavo l’incentivo cosa faceva l’azienda con un tfr insufficiente?
    Grazie mille!!!
    Giovanna

    Reply
    • Buongiorno Giovanna,
      questa è materia legale.
      Si deve rivolgere ad un avvocato o meglio ancora ad una associazione consumatori.
      Sono state fatte operazioni che ritengo lesive e non conformi al contratto di cessione.

      Saluti, Renzo

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

MutuiA: il sito di riferimento per il tuo preventivo mutuo su misura.