Cessione del Quinto a Dipendenti

Cessione del quinto a dipendenti

La cessione del quinto a dipendenti e la delega di stipendio sono concesse a tutte le categorie di dipendenti: Statali, Pubblici e Privati, ma con qualche significativa differenza. Infatti le categorie di lavoratori per la concessione della cessione o della delega del quinto dello stipendio hanno valutazioni diverse e si suddividono:

  • Dipendenti di Amministrazioni Pubbliche;
  • Dipendenti di Aziende Private;
  • Per tutti vale la regola: lavoro a tempo indeterminato.

Vediamo nel dettaglio le differenze per la cessione del quinto a dipendenti.

I Dipendenti Statali e Pubblici fanno categoria a se: infatti, a differenza dei dipendenti privati già con la prima busta paga ottengono  il massimo della cessione del quinto a dipendenti e se lo richiedono possono avere anche il massimo della delega di stipendio. Hanno bisogno di poca documentazione e possono avere il massimo in qualsiasi momento la richiedano. Tutto ciò deriva dalla sicurezza del posto lavoro.

Diversa invece è la valutazione che deve essere fatta per la concessione della cessione del quinto a dipendenti privato.
Le verifiche in particolare riguardano società riconosciute idonee per il finanziamento:

  • SPA
  • Srl
  • Snc
  • Sas
  • SCARL.

Non sono ammessi al finanziamento i dipendenti delle ditte individuali.

Numero di dipendenti per ottenere la cessione del quinto:

  • Il numero dipendenti minimo per le Cessioni è 16.
  • Il numero dipendenti minimo per le Small Business è 5.

Valutazione CERVED

Servizio di consultazione per la valutazione economico/finanziaria dell’impresa oggetto della verifica (patrimonio, bilanci, utili e eventuali protesti amministratori)

Valutazione della Assunzione del Rischio Assicurativo (GeCo)

La Ditta dove lavora il richiedente viene valutata e classificata con un punteggio che va da 1 a 7. Il numero che sarà assegnato alla ditta sarà usato come moltiplicatore del TFR accantonato del richiedente. Si ottiene così il montante massimo finanziabile.
TFR accantonato alla data ultima verificabile e comunicata dal Datore lavoro.

Età del richiedente: esiste il limite della età del richiedente che va in pensione; attualmente è fissata a 66 anni per l’uomo e 62 per la donna e quindi per avere una cessione del quinto a dipendenti della durata di 10 anni non possono avere rispettivamente più di 56 anni e più di 52 anni.

Nota: non esiste questo problema per il Dipendente Statale/Pubblico in quanto la /le quote cedute vanno trasferite alla pari sulla Pensione.

È evidente che la cessione del quinto è un prestito le cui garanzie sono rappresentate dallo stipendio e dal TFR sui quali viene costituito un blocco attraverso la notifica, intoccabile fino alla scadenza del contratto.

Affidati a PrestitiA, leader nella consulenza e preventivo cessione del quinto.

  • Franco Macciocca says:

    Buonasera,
    Mi sapete spiegare perchè, nonostante ho in essere una cessione del V° della durata di 96mesi partita a giugno 2009 ed avendo superato, ad oggi, la durata dei 2/5 delle rate pagate (dall’azienda ovviamente) e non essendo variate le condizioni economiche finazianziarie dell’azienda dal momento della sottoscrizione del contratto ad oggi l’a IBL BANCA non vuole rinegoziare la mia cessione? tra l’altro l’importo che attualmente pago è inferiore al V° dello stipendio ed avrei uno scarto di circa 100 euro ancorta a disposizione. Per farla breve, stanno commettendo un abuso? Grazie. Franco M.

    Reply
    • cessione quinto says:

      Signor Franco buongiorno, lei ha titolo per rinegoziare la sua Cessione del Quinto. IBL che immagino sia la Banca con la quale ha stipulato il contratto non fa un abuso, non essendo obbligata, ma tenta di difendere il contratto per non rimettere soldi. Solo questo.
      Le consiglio di andare al sito http://www.prestitia.it e di compilare il form richiesta preventivo, non rappresenta alcun impegno per lei, e avrà tutte le indicazioni utili a decidere.
      Saluti,
      Renzo

      Reply
  • volevo sapere se e legale che avendo 2 quinti di paga volontari il giudice mi ha fatto il 3 quinto su tuto lo spipendio .su 1500 euro di spipendio prendo in busta solo 750 euro se posso chiedere alla mia azienda di farmi anticipare il mio tfr per estinguere almeno 1 prestito non riesco più andare avanti non posso sostenere le spese per vivere.grazie aspetto con ansia un vostro aiuto .

    Reply
  • volevo sapere se e legale che avendo 2 quinti di paga volontari il giudice mi ha fatto il 3 quinto su tuto lo spipendio .su 1500 euro di spipendio prendo in busta solo 750 euro se posso chiedere alla mia azienda di farmi anticipare il mio tfr per estinguere almeno 1 prestito non riesco più andare avanti non posso sostenere le spese per vivere.grazie aspetto con ansia un vostro aiuto .non ho mai scritto niente e la 1 volta

    Reply
    • Buon giorno Carmine,
      lei ha in corso Cessione del Quinto e Delega del Quinto dello Stipendio.
      Il giudice ha concesso una ulteriore trattenuta in busta paga per un pignoramento dovuto al mancato pagamento di un debito.
      Giusto? Immagino che questa sia la sua situazione.
      La legge impone che dallo stipendio possano essere detratti massimo due quinti dello stipendio netto.

      Per questo una delle trattenute è in più.
      In genere la determinazione del giudice fissa che una Cessione sia sospesa a favore del pignoramento che comunque non può essere superiore al quinto dello stipendio netto.
      Si troverebbe ad avere trattenute in busta paga la rata della Cessione del Quinto e la rata del pignoramento, quando il debito del pignoramento sarà estinto ripartirà la trattenuta della Delega del Quinto.
      Questo è quanto dovrebbe avvenire.
      Se il giudice non ha tenuto in conto che lei aveva già due trattenute in busta paga pari al 20% per la Cessione e al 20% per la Delega significa che o il Giudice non ha voluto tenerne conto sbagliando o che lei non si è difeso adeguatamente.
      Lei ha diritto di ricorrere contro questo sopruso o questa sua mancanza di attenzione.

      La invito quindi a rivolgersi ad un avvocato che faccia valere i suoi diritti e mi raccomando verifichi per bene che costui sia preparato in questa materia.
      Saluti, Renzo

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

MutuiA: il sito di riferimento per il tuo preventivo mutuo su misura.